Breaking News
  • Gas serra, diete e consumo (eccessivo) di carneLe connessioni molto strette tra cibo e inquinamento. Il 26% dei millenials è vegetariano. Gas serra, diete e consumo (eccessivo) di carne Tra le varie “ricette” per conciliare alimentazione e tutela degli [...]
  • Plastica, inquinamento inarrestabileOltre 270 le specie animali vittime dell’intrappolamento in reti da pesca abbandonate. Plastica, inquinamento inarrestabile Il Wwf lancia l’allarme. Ogni anno circa 100 milioni di tonnellate vengono disperse in natura a livello [...]
  • Biodiversità, emergenza senza voceSi riducono le varietà di coltivazioni e aumentano le razze di animali a rischio d’estinzione e la percentuale di stock ittici sovra-sfruttati. Biodiversità, emergenza senza voce Il primo rapporto globale della Fao [...]

Alcuni semplici e preziosi consigli per la coltivazione del gelsomino.

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Alcuni semplici e preziosi consigli per la coltivazione del gelsomino.

Alcuni semplici e preziosi consigli per la coltivazione del gelsomino.

 

Questa bellissima pianta appartiene alla famiglia delle Oleaceae, che comprende circa 200 specie rampicanti alte fino a 6 metri come, per l’appunto, il Jasminum Officinale, ovvero il gelsomino comune: ve ne sono, comunque, anche di altri tipi come il Gelsomino di Spagna o quello a fiore giallo o rosa.

I fiori del gelsomino sono, solitamente, piccoli e di colore bianco e vengono spesso utilizzati come piante ornamentali sia in piena terra nei giardini che come arbusti isolati. Questa pianta ha una lunga storia alle spalle e, secondo l’aromaterapia, il suo profumo procurerebbe uno stato di benessere e di felicità; nell’omeopatia, invece, il gelsomino giallo è usato contro l’influenza, il raffreddore ed il mal di testa. Ma quali sono i metodi di coltivazione per avere delle bellissime piante?

Il gelsomino richiede una semplice coltivazione adatta a chi ha poco tempo: occorre piantarlo in posizioni soleggiate, possibilmente dove vi è un clima fresco; se, invece, ci si trova in zone a clima invernale rigido, sarà bene coltivarlo in vaso con sostegni circolari. Per la propagazione del gelsomino è consigliabile interrare un ramo per alcune settimane, in modo tale che si sviluppino delle nuove radici e il tutto, poi, potrà essere spostato in piena terra – ben concimata – o in un vaso.

Ricordate che il gelsomino non tollera il vento, per cui è bene piantarlo in zone riparate dal vento più forte.

Il gelsomino non ha bisogno di grandi cure, in quanto può sopportare benissimo periodi di siccità, ma è sempre bene fare comunque delle irrigazioni per stimolarne la crescita e la fioritura evitando, però le innaffiature eccessive che possono portare a ristagni idrici. Per quanto riguarda il terreno, sarebbe meglio se fosse ben drenato; mentre la concimazione va fatta durante la primavera e l’estate, utilizzando del concime liquido e, verso la fine dell’Inverno, del compost. Infine, per quanto riguarda la potatura, quest’ultima va effettuata al termine della stagione di fioritura, eliminando i rami che ne compromettono la crescita e gli steli deboli.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews

ECOBIONEWS

Direttore Responsabile
Ernesto Pappalardo

 

Direttore Editoriale:
Giuliano D’Antonio

 

Editore: Medicert srl
via Benedetto Croce,10

 

Testata registrata presso
il Tribunale Civile di Salerno
n. 35 del 21-10-2010
PI: 04045580653
cap. soc. 25.000,00 euro Int. versato