Breaking News
  • Obbligo in etichetta del luogo di produzioneDal 5 aprile scorso in vigore la nuova disposizione in base al Decreto Legislativo 145/2017. Obbligo in etichetta del luogo di produzione In caso di mancato rispetto delle norme previste scattano sanzioni [...]
  • Il “tesoro” artigianale di PasquaSono 43.063 le imprese specializzate nella pasticceria e oltre 155.054 gli addetti. Il “tesoro” artigianale di Pasqua Il “censimento” di Confartigianato segnala almeno 150 prelibatezze che nascono dalle ricette antiche riproposte durante [...]
  • Agroalimentare, export oltre 40 miliardi“Potenzialità ampie ma sugli scambi internazionali pesano le incognite della Brexit e della politica protezionistica di Trump”. Agroalimentare, export oltre 40 miliardi “Agrifood Monitor”: “L’Italia fa meglio degli altri big exporter - [...]

Mense biologiche certificate, si parte

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Mense biologiche certificate, si parte
Presentato nei giorni scorsi a Milano il primo sistema pubblico di riconoscimento.

Mense biologiche certificate, si parte

Le scuole che vorranno utilizzare i marchi volontari (oro e argento) dovranno indicare le percentuali di utilizzo dei prodotti “green”. 

Presentato nei giorni scorsi il primo sistema pubblico di riconoscimento delle “Mense biologiche scolastiche” certificate, che saranno operative dal prossimo anno (scolastico). “Per la prima volta in Italia – si legge in una nota del Mipaaf – vengono definite e regolate le mense biologiche, dando così maggiori informazioni agli studenti e alle famiglie”. Sono stati individuati i criteri di classificazione, concordati con il Ministero dell’Istruzione, le Regioni e i Comuni, e i marchi che identificano le mense biologiche scolastiche. La norma, infatti, “prevede che le scuole che vorranno utilizzare il marchio volontario dovranno inserire delle percentuali minime di utilizzo di prodotti biologici, dei requisiti e delle specifiche tecniche fissate”. Per quanto riguarda i loghi “si tratta di due medaglie, argento e oro con la euro-foglia che è il simbolo Ue del biologico, e che contraddistinguono le due tipologie di mense previste dalla legge, con l’oro che corrisponde a una qualificazione d’eccellenza legata a una maggiore percentuale di utilizzo di prodotti biologici”. “Con l’obiettivo di ridurre i costi a carico degli studenti e realizzare iniziative di informazione e promozione nelle scuole – continua la nota –  è anche istituito un fondo stabile gestito dal Ministero delle Politiche Agricole con le Regioni”.

I criteri di classificazione.

La mensa scolastica, “per qualificarsi come biologica, è tenuta a rispettare, con riferimento alle materie prime di origine biologica, percentuali minime di utilizzo in peso e per singola tipologia di prodotto che rientrano nel Marchio d’argento: frutta, ortaggi, legumi, prodotti trasformati di origine vegetale (escl. succhi di frutta), pane e prodotti da forno, pasta, riso, farine, cereali e derivati, olio extravergine: 70%; uova, yogurt e succhi di frutta: 100%; prodotti lattiero-caseari (escl. yogurt), carne, pesce da acquacoltura: 30%”.

È prevista “anche una qualificazione di eccellenza della mensa scolastica biologica nel caso in cui l’utilizzo di materie prime di origine biologica raggiunga le percentuali in peso e per singola tipologia di prodotto che rientrano nel Marchio d’oro: frutta, ortaggi, legumi, prodotti trasformati di origine vegetale (escl. succhi di frutta), pane e prodotti da forno, pasta, riso, farine, cereali e derivati, olio extravergine: 90%; uova, yogurt e succhi di frutta: 100%; prodotti lattiero-caseari (escl. yogurt), carne, pesce da acquacoltura: 50%”.

Criteri di premialità.

Per ridurre lo spreco alimentare e l’impatto ambientale, “le stazioni appaltanti inseriscono nei bandi di gara, tra gli altri, i seguenti criteri di premialità: impegno a recuperare i prodotti non somministrati e a destinarli ad organizzazioni non lucrative di utilità sociale che effettuano, a fini di beneficenza, distribuzione gratuita agli indigenti di prodotti alimentari; percentuale di utilizzo di alimenti biologici prodotti in un’area vicina al luogo di somministrazione del servizio per ridurre l’impatto ambientale. L’area di produzione è considerata vicina se si trova in un raggio massimo di 150 km”.

Le dichiarazioni del Ministro Martina.

“Il nostro impegno – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – per favorire e promuovere modelli agricoli e alimentari sostenibili va avanti anche attraverso il progetto delle mense scolastiche biologiche certificate. Abbiamo fissato regole chiare e condivise per valorizzare le scuole che vogliono favorire l’utilizzo di prodotti biologici, promuovendo i principi di una sana alimentazione. Ci sono criteri di premialità anche per chi riduce gli sprechi alimentari e utilizza prodotti del territorio, per un’integrazione di filiera che coinvolga i produttori agricoli biologici locali. Il Fondo che abbiamo istituito potrà contribuire a rendere più accessibili i servizi e a proseguire le azioni di educazione alimentare iniziate con la stagione di Expo Milano. L’Italia si conferma anche con questi strumento un punto di riferimento per il biologico nel mondo. Abbiamo oltre 1,8 milioni di ettari coltivati e più di 70mila operatori, con questo ulteriore tassello rendiamo più forte il settore”.

(Fonte: politiche agricole.it/ 18.12.2017)

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews

ECOBIONEWS

Direttore Responsabile
Ernesto Pappalardo

 

Direttore Editoriale:
Giuliano D’Antonio

 

Editore: Medicert srl
via Benedetto Croce,10

 

Testata registrata presso
il Tribunale Civile di Salerno
n. 35 del 21-10-2010