Breaking News
  • Poveri più poveri, solidarietà valore da tutelareCirca un anno fa uno studio della Bers (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo) delineava perfettamente lo scenario reale. Poveri più poveri, solidarietà valore da tutelare L’Italia è il Paese [...]
  • Il nuovo profilo dei territoriL’analisi degli scenari di medio e lungo periodo. Il nuovo profilo dei territori Cambiamenti, opportunità e rischi alla luce delle mutate “geografie” dei modelli di sviluppo locale alle prese con dinamiche prima [...]
  • Ismea, bio in 9 famiglie su 10Italia divisa in due. Il Nord esprime il 64% della domanda e il Sud solo l’11%. Ismea, bio in 9 famiglie su 10 L’incidenza sui consumi complessivi degli italiani nel 2017 ammonta [...]

Agroalimentare, cooperative: giro d’affari sfiora i 35 miliardi

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Agroalimentare, cooperative: giro d’affari sfiora i 35 miliardi
L’analisi dei dati più recenti delinea le dinamiche di crescita delle varie componenti settoriali.

Agroalimentare, cooperative: giro d’affari sfiora i 35 miliardi

Un quarto dell’ortofrutta e della carne italiana deriva da imprese mutualistiche. Positiva la performance anche sul versante dell’export (per un valore di 5 miliardi di euro).

Numeri importanti per la cooperazione agroalimentare Made in Italy che “con le sue 4.703 imprese attive garantisce occupazione a più di 91.500 addetti e genera un fatturato di quasi 35 miliardi di euro, pari al 23% del giro d’affari dell’alimentare italiano, ottenuto attraverso la lavorazione e trasformazione di una quota pari al 32% della materia prima agricola italiana, per un valore di 16,1 miliardi di euro”. Un segmento che “pur in presenza di un leggero calo dei soci produttori aderenti (-3%), registra una crescita sia del fatturato (+0,6%) che dell’occupazione (+0,9%). Buone anche le performance dell’export: complessivamente nel 2016 il sistema cooperativo italiano ha realizzato oltreconfine il 17% del proprio fatturato per un totale di circa 5 miliardi di euro, pari al 13% delle esportazioni agroalimentari italiane”. E’ questo lo scenario delineato dall’Osservatorio della Cooperazione Agricola Italiana-Rapporto 2017 istituito presso il Mipaaf e sostenuto dall’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari (Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative, Legacoop Agroalimentare e Unicoop). “Da evidenziare – si legge in una nota di sintesi –  anche il ruolo strategico che la cooperazione agroalimentare gioca nella valorizzazione dei prodotti Made in Italy, tanto in Italia quanto sul mercato estero: le imprese cooperative, infatti, lavorano materia prima che per il 74% è di provenienza locale, per il 24% nazionale e solo per il 2% estera”.

L’analisi di Nomisma e dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari.

“Questo è possibile – spiega Ersilia Di Tullio, responsabile cooperazione della società Nomisma che ha curato lo sviluppo dello studio – grazie al forte legame che le imprese cooperative hanno con la propria base sociale di agricoltori. Oggi la quota prevalente degli approvvigionamenti di materia prima delle cooperative è costituita dai conferimenti dei propri soci, come evidenzia il grado di mutualità pari in media all’83%”.

“Sono soddisfatto del quadro economico fotografato dal rapporto – commenta Giorgio Mercuri, presidente dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari – in particolare per il contributo importante che le cooperative stanno dando in termini di incremento delle vendite sui mercati internazionali. Il settore lattiero-caseario ha visto aumentare il proprio export del 20% in un solo anno, mentre le prime 25 cooperative vitivinicole hanno in media la metà del loro giro d’affari derivante proprio dall’export”.

Il quadro complessivo.

Carne, ortofrutta, latte e vino “si confermano i principali settori cooperativi grazie al forte legame con la base produttiva agricola. Le cooperative del settore delle carni fresche e trasformate esprimono la quota di fatturato più importante (8,9 miliardi di euro, pari al 26% del totale); segue il comparto dell’ortofrutta (8,7 miliardi, 25% del fatturato totale), quello del latte (6,6 miliardi, 19%), dei servizi (4,8 miliardi, 14%) e del vino (4,5 miliardi, 13%). L’Osservatorio ha anche monitorato “l’evoluzione nel corso degli ultimi dieci anni delle prime 25 cooperative per fatturato dei settori ortofrutticolo, lattiero-caseario e vitivinicolo, che ha evidenziato un consolidamento delle dimensioni medie aziendali e tendenze positive di tutti i principali indicatori di performance economico-finanziaria. Spicca la crescita a tre cifre (+112%) del fatturato delle top 25 nel vino e quella, sempre molto alta (+82%), registrata dalle cooperative dell’ortofrutta. In dieci anni sono cresciute anche le retribuzioni lorde, da un +42% nelle cooperative dell’ortofrutta al +126% nel comparto del vino”. Questa crescita “non ha compromesso il forte legame con la base sociale, che si mantiene molto saldo anche in queste grandi cooperative, come dimostrano i valori di mutualità pari rispettivamente all’87% per le Top 25 del latte ed all’85% per le Top 25 dell’ortofrutta e del vino”.

(Fonte: Comunicato Stampa Osservatorio della Cooperazione Agricola Italiana/ 12.12.2017)

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews

ECOBIONEWS

Direttore Responsabile
Ernesto Pappalardo

 

Direttore Editoriale:
Giuliano D’Antonio

 

Editore: Medicert srl
via Benedetto Croce,10

 

Testata registrata presso
il Tribunale Civile di Salerno
n. 35 del 21-10-2010
PI: 04045580653
cap. soc. 25.000,00 euro Int. versato