Breaking News
  • Gas serra, diete e consumo (eccessivo) di carneLe connessioni molto strette tra cibo e inquinamento. Il 26% dei millenials è vegetariano. Gas serra, diete e consumo (eccessivo) di carne Tra le varie “ricette” per conciliare alimentazione e tutela degli [...]
  • Plastica, inquinamento inarrestabileOltre 270 le specie animali vittime dell’intrappolamento in reti da pesca abbandonate. Plastica, inquinamento inarrestabile Il Wwf lancia l’allarme. Ogni anno circa 100 milioni di tonnellate vengono disperse in natura a livello [...]
  • Biodiversità, emergenza senza voceSi riducono le varietà di coltivazioni e aumentano le razze di animali a rischio d’estinzione e la percentuale di stock ittici sovra-sfruttati. Biodiversità, emergenza senza voce Il primo rapporto globale della Fao [...]

Obbligo in etichetta del luogo di produzione

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Obbligo in etichetta del luogo di produzione
Dal 5 aprile scorso in vigore la nuova disposizione in base al Decreto Legislativo 145/2017.

Obbligo in etichetta del luogo di produzione

In caso di mancato rispetto delle norme previste scattano sanzioni amministrative di natura pecuniaria che variano da 2.000 a 15.000 euro.

La richiesta di trasparenza e di informazione da parte dei consumatori fa un altro importante passo in avanti. Da giovedì 5 aprile è scattato l’obbligo di indicare in etichetta la sede e l’indirizzo dello stabilimento di produzione o di confezionamento degli alimenti, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 145/2017. “Tale indicazione – si legge in una nota del Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali) – si aggiunge a quelle obbligatoriamente previste dal regolamento europeo (denominazione, ingredienti, presenza di allergeni, quantità, scadenza, nome del responsabile delle informazioni, Paese di origine, istruzioni per l’uso, titolo alcolometrico e dichiarazione nutrizionale). Gli operatori dovranno, pertanto, indicare la località e l’indirizzo dello stabilimento (o solo la località se questa consente l’immediata identificazione dello stabilimento) di produzione o di confezionamento, se l’alimento è confezionato in uno stabilimento diverso da quello dove è stato prodotto. L’obbligo riguarda gli alimenti prodotti in Italia e destinati al mercato italiano. In questo modo vengono garantite una corretta e completa informazione ai consumatori, una migliore e immediata rintracciabilità degli alimenti da parte degli organi di controllo e, di conseguenza, una più efficace tutela della salute”.

Le sanzioni previste.

In caso di mancato rispetto dell’obbligo, “l’operatore che non indicherà in etichetta lo stabilimento di produzione o di confezionamento sarà sottoposto a una sanzione amministrativa pecuniaria che varia da 2.000 euro a 15.000 euro. Sono previste sanzioni dello stesso importo anche per il caso in cui l’impresa che disponga di più stabilimenti non evidenzi quello effettivo mediante punzonatura o altro segno e sanzioni da 1.000 euro a 8.000 euro se non vengono rispettate le modalità di presentazione.  La legge di delega affida la competenza per il controllo del rispetto della norma e l’applicazione delle eventuali sanzioni all’Ispettorato repressione frodi (ICQRF)”.

Il commento.

“Il nostro impegno si rivolge alla tutela del consumatore – afferma il Vice Ministro Andrea Olivero – assicurando un’informazione piena che consenta di poter scegliere la qualità che si desidera. Sono certo che le nostre imprese agroalimentari sapranno cogliere appieno questa opportunità, andando incontro alle esigenze di un consumatore sempre più attento”.

(Fonte: politicheagricole.it/ 05.04.2018)

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews

ECOBIONEWS

Direttore Responsabile
Ernesto Pappalardo

 

Direttore Editoriale:
Giuliano D’Antonio

 

Editore: Medicert srl
via Benedetto Croce,10

 

Testata registrata presso
il Tribunale Civile di Salerno
n. 35 del 21-10-2010
PI: 04045580653
cap. soc. 25.000,00 euro Int. versato