Breaking News
  • Il nuovo profilo dei territoriL’analisi degli scenari di medio e lungo periodo. Il nuovo profilo dei territori Cambiamenti, opportunità e rischi alla luce delle mutate “geografie” dei modelli di sviluppo locale alle prese con dinamiche prima [...]
  • Ismea, bio in 9 famiglie su 10Italia divisa in due. Il Nord esprime il 64% della domanda e il Sud solo l’11%. Ismea, bio in 9 famiglie su 10 L’incidenza sui consumi complessivi degli italiani nel 2017 ammonta [...]
  • Agricoltura in ripartenza nel 2018I dati del rapporto Agrosserva Ismea evidenziano un quadro in progressivo recupero. Agricoltura in ripartenza nel 2018 Nei primi tre mesi il valore aggiunto in termini reali guadagna 4,6 punti rispetto all'ultimo [...]

Agea e piante officinali ora si cambia

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Agea e piante officinali ora si cambia
Approvati dal Consiglio dei Ministri due decreti legislativi che introducono norme semplificative.

Agea e piante officinali ora si cambia

Varata la riorganizzazione dell’Agenzia per le erogazioni in agricoltura ed il Testo Unico che disciplina lo specifico segmento di particolari specie vegetali destinate a varie utilizzazioni.

Approvato il decreto legislativo che – in attuazione della legge sulla semplificazione, la razionalizzazione e la competitività dei settori agricolo e agroalimentare (legge 28 luglio 2016, n. 154) – introduce norme in materia di riorganizzazione delle competenze nel sistema di erogazione degli aiuti comunitari cui sono preposti l’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (AGEA) e gli Organismi pagatori riconosciuti. Via libera anche al nuovo Testo Unico in materia di coltivazione, raccolta e prima trasformazione delle piante officinali. Il testo fa proprie le conclusioni del Tavolo di Filiera delle piante officinali, istituito nel 2013, e, “tenendo conto delle normative europee – spiega una nota del Mipaaf – adegua la disciplina vigente dando un nuovo assetto al settore, in modo da favorirne la crescita e lo sviluppo e da valorizzare le produzioni nazionali, garantendo al contempo una maggiore trasparenza e conoscenza al consumatore finale”.

Riorganizzazione dell’Agea.

Il decreto, in attuazione dell’articolo 15 della legge delega e in linea con la nuova politica agricola comune 2014-2020, prevede la riorganizzazione dell’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA), in modo da renderla maggiormente rispondente alle specifiche esigenze del settore e da assicurare il raggiungimento di diversi obiettivi: migliorare la qualità dei servizi erogati alle imprese agricole; razionalizzare e contenere la spesa; innalzare l’efficienza del sistema di pagamenti; rivedere e ottimizzare il modello di coordinamento degli organismi pagatori a livello regionale; rivedere l’attuale sistema di gestione del SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale); ottimizzare l’accesso alle informazioni, mediante la realizzazione di una piattaforma informatica che permetta una più forte integrazione tra le articolazioni regionali e la struttura centrale. “Il decreto – specifica sempre la nota del Mipaaf – mira ad assicurare in modo più strutturato e netto la separazione tra le funzioni di Organismo di Coordinamento e di Organismo Pagatore attribuite all’Agea”.

Piante officinali.

Il decreto, ai sensi dell’articolo 5 della legge delega, costituisce il nuovo Testo Unico in materia di coltivazione, raccolta e prima trasformazione delle piante officinali. In particolare: fornisce una nuova definizione di piante officinali, prevedendo inoltre l’istituzione dei registri varietali delle specie di piante officinali, nei quali sono elencate le piante officinali ammesse alla commercializzazione e sono stabilite le modalità e le condizioni per la certificazione delle sementi; chiarisce in maniera non equivoca “che la coltivazione, la raccolta e la prima trasformazione delle piante officinali sono considerate a tutti gli effetti attività agricole”; disciplina la raccolta spontanea, “in modo da evitare il depauperamento delle aree a questa destinate e da favorire una maggiore conoscenza delle stesse zone, delle piante e dell’ambiente in cui si sviluppano”; stabilisce che, con decreto del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, “deve essere adottato il Piano di Settore della Filiera delle Piante Officinali, che costituisce lo strumento programmatico strategico diretto a individuare gli interventi prioritari per migliorare le condizioni di produzione e di prima trasformazione delle piante officinali, al fine di incentivare lo sviluppo di una filiera integrata dal punto di vista ambientale, di definire forme di aggregazione professionale e interprofessionale capaci di creare condizioni di redditività per l’impresa agricola e di realizzare un coordinamento della ricerca nel settore”; prevede, per le Regioni “la possibilità di istituire, nel rispetto della normativa dell’Unione Europea, marchi finalizzati a certificare il rispetto di standard di qualità nella filiera delle piante officinali”.

(Fonte: politiche agricole.it/ 16.05.2018)

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews

ECOBIONEWS

Direttore Responsabile
Ernesto Pappalardo

 

Direttore Editoriale:
Giuliano D’Antonio

 

Editore: Medicert srl
via Benedetto Croce,10

 

Testata registrata presso
il Tribunale Civile di Salerno
n. 35 del 21-10-2010
PI: 04045580653
cap. soc. 25.000,00 euro Int. versato