Breaking News
  • Gas serra, diete e consumo (eccessivo) di carneLe connessioni molto strette tra cibo e inquinamento. Il 26% dei millenials è vegetariano. Gas serra, diete e consumo (eccessivo) di carne Tra le varie “ricette” per conciliare alimentazione e tutela degli [...]
  • Plastica, inquinamento inarrestabileOltre 270 le specie animali vittime dell’intrappolamento in reti da pesca abbandonate. Plastica, inquinamento inarrestabile Il Wwf lancia l’allarme. Ogni anno circa 100 milioni di tonnellate vengono disperse in natura a livello [...]
  • Biodiversità, emergenza senza voceSi riducono le varietà di coltivazioni e aumentano le razze di animali a rischio d’estinzione e la percentuale di stock ittici sovra-sfruttati. Biodiversità, emergenza senza voce Il primo rapporto globale della Fao [...]

Agenda 2030, Italia batti un colpo

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Agenda 2030, Italia batti un colpo
In vista dell’evento pubblico organizzato dall’ASviS il prossimo 27 febbraio.

Agenda 2030, Italia batti un colpo

Strategie di medio e lungo periodo, investimenti pubblici, dialogo tra le due parti in campo (pubblico-privato), sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche della tutela ambientale. Manca un piano operativo.

di Giuliano D’Antonio*

Nel momento di confusione politica generale che stiamo attraversando in Italia – ma anche in non pochi altri Paesi dell’occidente democratico – sembrano, purtroppo, scivolare in secondo piano problematiche cruciali per il futuro immediato della popolazione mondiale. Sono passati oltre tre anni dalla sottoscrizione dell’Agenda 2030 e dalla messa a fuoco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. Non si può dire che non sia successo nulla. Ma è anche vero che –  sebbene non manchino iniziative di tutto rispetto intraprese in varie parti del mondo – si è sostanzialmente arenato ogni significativo progresso in materia di cambiamento climatico. Anzi, in questo specifico caso bisogna evidenziare una serie di contrasti che di fatto paralizzano un percorso che appare indispensabile compiere in tempi piuttosto brevi per evitare conseguenze ancora peggiori di quelle già oggi certe. Come segnala l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) – che riunisce oltre 220 tra i più importanti soggetti dell’economia e della società italiana – il recente Rapporto sui Rischi Global del World Economic Forum, sottolinea che “il moltiplicarsi di eventi naturali estremi e di tensioni socio-politiche rendono molto incerto anche il futuro economico globale, con ripercussioni gravi sull’occupazione e il benessere di milioni di persone”. Come pure “i fenomeni migratori, in netta crescita anche per cause legate al deterioramento delle condizioni ambientali, continuano a provocare la morte di migliaia di persone e mettono a dura prova la collaborazione internazionale e la solidarietà tra gruppi sociali”.

Se, poi, restringiamo il campo di analisi all’Italia rimangono sul tappeto interrogativi strategici che non trovano, purtroppo, ancora risposta o – almeno- un accenno di risposta. A cominciare dall’appostamento degli investimenti pubblici e dal necessario dialogo operativo tra le due parti in campo (pubblico-privato).

Diventa, quindi, molto importante l’iniziativa che l’ ASviS ha organizzato il 27 febbraio  prossimo – “La politica italiana e l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. A che punto siamo?”, Camera dei Deputati 9:30/13:30 – proprio perché consentirà di entrare nel merito di questioni evidentemente relegate in ambiti residuali dalle forze politiche sempre pronte a ripescarle nell’imminenza delle campagne elettorali. La scadenza del rinnovo del Parlamento Europeo potrebbe, invece, essere l’occasione per uscire dalla navigazione a vista tra le polemiche quotidiane dello scontro tra maggioranza e opposizione ed affrontare con sguardo ampio ed in una prospettiva transnazionale quelle che sono vere e proprie emergenze sociali, ambientali, economiche.

Come già accennato altre volte, dal nostro punto di vista, esiste una priorità invalicabile che si configura nell’esigenza di avviare una capillare operazione di sensibilizzazione e informazione delle popolazioni in tutti i Paesi (avanzati e non). Se non si prende pienamente coscienza del disastro verso il quale stiamo tutti insieme viaggiando a velocità stratosferica, la capacità di pressione sulle forze politiche e le Istituzioni non raggiungerà mai risultati concreti e significativi. La mobilitazione democratica dal basso è l’unica leva in grado di produrre risultati a prescindere dagli orientamenti dei governi che si avvicendano alla guida dei vari Stati.

La sensazione è che siamo davvero molto lontani da questo primo e fondamentale obiettivo.

*Presidente Fonmed (Fondazione Sud per la Cooperazione e lo Sviluppo del Mediterraneo)

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews

ECOBIONEWS

Direttore Responsabile
Ernesto Pappalardo

 

Direttore Editoriale:
Giuliano D’Antonio

 

Editore: Medicert srl
via Benedetto Croce,10

 

Testata registrata presso
il Tribunale Civile di Salerno
n. 35 del 21-10-2010
PI: 04045580653
cap. soc. 25.000,00 euro Int. versato