Breaking News
  • Biodiversità, attacco senza precedentiNei giorni scorsi a Parigi è stato presentato il rapporto dell’Ipbes (Onu). Biodiversità, attacco senza precedenti Tre quarti dell'ambiente terrestre e circa il 66% dell’habitat marino sono stati modificati in modo significativo. [...]
  • Condomini “aperti” e risparmio energeticoLa campagna di Legambiente “Civico 5.0” ed il racconto delle 22 esperienze attivate nella Penisola. Condomini “aperti” e risparmio energetico I modelli operativi più efficaci per adottare sistemi maggiormente sostenibili in considerazione [...]
  • Stop pesticidi, battaglia di civiltàL’obiettivo del 40% della Sau (Superficie Agricola Utilizzata) condotta con il metodo biologico entro il 2030. Stop pesticidi, battaglia di civiltà Il Wwf Italia, insieme con le associazioni che aderiscono alla Campagna [...]

I capi sintetici inquinano: a causa loro i mari contengono microfibre plastiche

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
I capi sintetici inquinano: a causa loro i mari contengono microfibre plastiche

Le microfibre plastiche dai capi sintetici arrivano in mare (passando per la lavatrice). E sono altamente inquinanti.

Basti pensare che ad oggi i capi sintetici inquinanti contribuiscono per il 90% circa all’inquinamento da microplastica dell’Oceano Atlantico.

Molti immaginano che l’inquinamento da plastica oceanica sia visibile sotto forma di grandi detriti depositati sulla superficie del mare, sacchetti, cannucce e bottiglie.

In realtà, esistono minuscole particelle che si accumulano ed entrano silenziosamente nella catena alimentare. Molte di queste sono proprio microfibre plastiche. La loro minuscola dimensione rende loro facile insidiarsi in tutti gli organismi marini, dalle piante al plancton.

Numerosi ricercatori si sono occupati di questo problema.

Gli studi

Secondo uno studio realizzato dai ricercatori della California – e pubblicato dal quotidiano britannico The Guardian – nell’ambiente naturale di questo Stato americano, sono state rilasciate 13,3 milioni di miliardi di microfibre plastiche.

Un risultato a dir poco scioccante, a detta di Alexis Jackson, direttore del progetto di pesca presso la Nature Conservancy in California.

Un altro studio – condotto dalla National University of Ireland (NUI) di Galway – già nel 2018 aveva affrontato questo tema. Ed aveva scoperto che il 73% dei pesci catturati nelle profondità oceaniche dell’Atlantico avrebbe microplastica nello stomaco. Di cui gran parte proveniente da capi sintetici.

Secondo un report del 2017 della International Union for Conservation of Nature and Natural Resources, non a caso, le microfibre plastiche rappresentano il 35% dei microorganismi che avvelenano le acque.

Da dove arriva la microplastica?

Tutti i tessuti rilasciano microfibre.

I capi sintetici però, derivando dalla plastica, rilasciano microfibre plastiche.

Ma perchè le microfibre plastiche inquinano così tanto?

È presto detto. Oltre la metà dei nostri indumenti è realizzata con tessuti sintetici. Ogni ciclo di lavaggio di questi capi mette in circolo centinaia di migliaia di microfibre plastiche. Risciacquando, infatti, a temperature tra i 30 e i 40 gradi, il 40% di queste non viene trattenuto dai sistemi di filtraggio delle nostre lavatrici. E si disperde, finendo attraverso gli scarichi in fiumi, mari e oceani.

Cosa possiamo fare per arginare il problema?

L’ideale sarebbe riuscire ad evitare il più possibile poliestere e vari tessuti sintetici già durante la produzione, sostituendoli con quelli naturali (a patto che non abbiano ricevuto trattamenti chimici).

Del resto, la produzione tessile è la seconda industria più inquinante al mondo.

Bisognerebbe inoltre investire per migliorare i meccanismi di depurazione ed evitare, di conseguenza, che queste microfibre plastiche vengano a contatto con l’ambiente.

Nel nostro piccolo possiamo imparare, ad esempio, ad evitare lavaggi inutili, lunghi o ad alte temperature. Possiamo inoltre preferire i tessuti naturali, scegliere indumenti biologici e riutilizzare vecchi capi. E cercare di sfruttare più a lungo i capi acquistati, riciclarli correttamente e puntare sull’usato.

Un piccolo “sforzo” per noi può essere una grande conquista per il mondo in cui viviamo.

Maria De Luca

0 Comments

No Comments This Article Has No Comments Yet

Sorry, either someone took all the comments and ran away or no one left any in the first place !

But You can be first to leave a comment !

Leave Your Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 × uno =

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews