Breaking News
  • Biodiversità, attacco senza precedentiNei giorni scorsi a Parigi è stato presentato il rapporto dell’Ipbes (Onu). Biodiversità, attacco senza precedenti Tre quarti dell'ambiente terrestre e circa il 66% dell’habitat marino sono stati modificati in modo significativo. [...]
  • Condomini “aperti” e risparmio energeticoLa campagna di Legambiente “Civico 5.0” ed il racconto delle 22 esperienze attivate nella Penisola. Condomini “aperti” e risparmio energetico I modelli operativi più efficaci per adottare sistemi maggiormente sostenibili in considerazione [...]
  • Stop pesticidi, battaglia di civiltàL’obiettivo del 40% della Sau (Superficie Agricola Utilizzata) condotta con il metodo biologico entro il 2030. Stop pesticidi, battaglia di civiltà Il Wwf Italia, insieme con le associazioni che aderiscono alla Campagna [...]

25 anni dalla “dichiarazione di Barcellona”

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
25 anni dalla “dichiarazione di Barcellona”

1995 – 2020: 25 anni ci separano dalla “dichiarazione di Barcellona”, che è l’atto fondatore di un partenariato globale tra l’Unione Europea e dodici paesi del sud del Mediterraneo.

Il fine è – o era – quello di rendere il Mediterraneo uno spazio comune di pace e stabilità attraverso un forte sviluppo della cooperazione economica, finanziaria, sociale e culturale. 

La situazione oggi

I risultati ottenuti non sono quelli sperati: l’obiettivo di realizzare un’area di sviluppo economico, sociale e di pace è ancora lontano da raggiungere.

L’Istituzione di una “Zona di Libero Scambio” con l’eliminazione delle barriere e dei dazi doganali ha molto spesso alimentato forti tensioni tra agricoltori del sud – Europa e quelli del sud – Mediterraneo generando una guerra tra poveri su prodotti agricoli coltivati da entrambe le sponde del nostro bacino.

Il ruolo del mondo rurale e le sue prospettive in ambito Mediterraneo sono domande che sempre più spesso si rincorrono sui tavoli politici. Ed a cui è difficile rispondere muovendosi in uno scenario che come quello descritto dallo storico francese Fernand Braudel: “non un paesaggio ma innumerevoli paesaggi, non un mare ma un susseguirsi di mari, non una civiltà ma una serie di civiltà accatastate le une sulle altre”.

Una realtà agricola piena di fratture

Oggi osserviamo una realtà agricola piena di fratture che la separano in più realtà. Come quella tra il nord ed il Sud del Mediterraneo. Ed ancora, quella tra le aree costiere urbanizzate e meglio sviluppate e quelle interne sempre più desertificate in termini economici, sociali ed ambientali. 

Sulle sue sponde oggi si affacciano circa 525 milioni di abitanti. Con una popolazione rurale sulla sponda sud in forte crescita, mentre quella nord  vive una progressiva decrescita e senescenza, ma in generale ancora con una marcata presenza del settore agro – alimentare nel comparto economico. Ma il divario tra paesi ricchi e quelli poveri non tende a diminuire. E vediamo crescere forte la dipendenza alimentare in paesi come in Egitto ed Algeria. Il deficit commerciale dei paesi PPM nei confronti dell’Europa, tenendo esclusa la Turchia, ammonta ad oltre un miliardo di dollari, anche in prodotti agroalimentari.

Lo sviluppo rurale equilibrato del sud del Mediterraneo resta prioritario oggi che è sempre più in progressivo impoverimento a causa di molteplici eventi, tra cui costi di produzioni in continua crescita, mentre i redditi agricoli sono fermi o in flessione.

Le cause

Tra le cause, il diffondersi di tecnologie e fattori produttivi esterni alle realtà e tradizioni locali per ottenere prevalentemente prodotti destinati all’esportazione e perdendo, spesso l’autosufficienza alimentare.

Le comunità rurali passano progressivamente da una condizione di piccoli imprenditori a salariati agricoli delle grandi organizzazioni economiche. Che orientano sempre più le produzioni a modelli e prodotti non incentrati allo sviluppo economico locale, ma al mero profitto finanziario.

Il tema agricolo – mediterraneo non può essere circoscritto al solo perimetro agronomico – commerciale. Ma deve essere ampliato a contesti sociali, culturali ed ambientali considerando tutte le citate molteplicità che  caratterizzano lo scenario Mediterraneo. Ed avendo ben chiari tre prioritari obiettivi che possono essere riassunti, come già espresso da altri autori, con una sola parola: salute. E, nello specifico, salute economica, salute dei territori, salute dell’uomo.

Giuliano D’Antonio

0 Comments

No Comments This Article Has No Comments Yet

Sorry, either someone took all the comments and ran away or no one left any in the first place !

But You can be first to leave a comment !

Leave Your Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

uno × 5 =

Banner
Banner
Banner
Banner

Archivi

Ecobionews