mercoledì , 19 Maggio 2021
Italia crescita economica
Foto di Goumbik da Pixabay

L’Italia, la crescita economica e le disoccupazione femminile e giovanile

Il Goal 8 dell’Agenda 2030 dell’Onu punta ad incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti. Ed il 5 mira a raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di tutte le donne e ragazze. Ma in Italia la crescita economica può davvero essere duratura? E, soprattutto, può esserlo per le donne? E per i giovani? Nel 2021 abbiamo raggiunto l’uguaglianza di genere?

Ce lo dicono i dati ISTAT (pubblicati il 1 febbraio 2021).

I dati

Una cosa va specificata. I dati sono provvisori. Ma non possono non essere considerati e non fanno ben sperare.

A dicembre sono diminuiti gli occupati e si è registrato un incremento dei disoccupati e degli inattivi.

Come si legge nel comunicato stampa Istat, la diminuzione dell’occupazione (-0,4% rispetto a novembre, pari a -101mila unità) ha coinvolto le donne, i lavoratori dipendenti ed autonomi ed ha caratterizzato tutte le classi d’età. Con l’unica eccezione degli ultracinquantenni, che mostrano una crescita. Risulta sostanzialmente stabile la componente maschile. Ed è su quest’ultimo punto che vale la pena soffermarsi. A pagare il prezzo della crisi economica sono state soprattutto le donne.

La disoccupazione femminile

Sì, perchè – sempre dati ISTAT alla mano – su 101mila (nuovi) disoccupati, 99mila sono donne. E questo riguarda solo il mese di dicembre. Se volessimo parlare di ciò che è accaduto durante tutto l’anno, basti pensare che dei 444mila occupati in meno registrati in Italia in tutto il 2020 il 70% è costituito da donne.

Perchè è accaduto ciò? Perchè le donne sono impiegate soprattutto nei settori che più di tutti stanno vivendo la crisi – come quello dei servizi – spesso con contratti che danno poca sicurezza. E qui si evince un importante dato. Il problema non è la pandemia in sè (con relativa crisi economica). Il problema è a monte. L’Italia non è un Paese che tutela il lavoro femminile.

Le donne avevano contratti “poco stabili” anche prima del Covid – 19. Si trovavano spesso a dover scegliere tra maternità e carriera anche fino al 2019. La domanda “pensi di avere figli”? è sempre stata fatta solo alle donne e mai agli uomini. La differenza salariale, i pochi posti apicali riservati alle donne erano un fatto che riguardava l’Italia anche un anno e mezzo fa. Solo che nessuno ne parlava. Oppure, anzi, potremmo dire che faceva meno notizia. Perchè quando qualcosa non riguarda noi in prima persona è sempre poco interessante.

Ma l’Italia nel 2021 deve davvero essere davvero un Paese per uomini?

La disoccupazione giovanile

Il target 6 del Goal 8 recita così: “ridurre entro il 2030 la quota di giovani disoccupati e al di fuori di ogni ciclo di studio o formazione”. Ma, a quanto pare, l’Italia non è neanche un Paese per giovani.

A dicembre il tasso di disoccupazione tra i giovani è salito al 29,7% (+0,3 punti). L’occupazione per gli under 25 è in rapida discesa. A dicembre 2020 – rispetto allo stesso mese del 2019 – il relativo tasso è sceso di 2,4 punti. È diminuito anche il tasso di occupazione della fascia d’età 25 – 34 anni (-1,8 punti).

Anche questo è un fatto che riguardava l’Italia anche pre – pandemia. Anche in questo caso qualcosa andava fatta prima di arrivare a leggere questi dati. Perchè i giovani devono poter guardare con fiducia al loro futuro. E non devono perdere la speranza.

La disoccupazione complessiva

Nel mese di dicembre 2020, nel complesso, il tasso di occupazione è sceso al 58,0% (-0,2 punti percentuali). In sostanza il tasso di occupazione è sceso, in un anno, di 0,9 punti percentuali.

Nell’arco dei dodici mesi sono diminuite le persone in cerca di lavoro (-8,9%, pari a -222mila unità). E sono aumentati gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+3,6%, pari a +482mila).

Ma, come abbiamo potuto notare, in realtà di “complessivo” c’è ben poco. Chi ha pagato – e sta pagando – sono soprattutto le donne ed i giovani. E quindi la crescita economica in Italia non può essere inclusiva.

Forse è vero che l’Italia non è un Paese per donne e per giovani. Ma i giovani saranno il nostro futuro e le donne possono contribuire alla crescita economica in Italia – e nel mondo ovviamente – in egual misura rispetto agli uomini.

Il problema è che nel 2021 non vorremmo più sentir neanche parlare di divario tra donne e uomini. È che senza giovani non ci può essere futuro. E l’esperienza è importante tanto quanto le idee nuove, originali, innovative.

Anna Gaia Cavallo

Controlla anche

regione biologico

Una regione italiana destinerà nuove risorse al biologico

Una regione italiana sta investendo molto sul biologico. Stiamo parlando del Piemonte, che ha pubblicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + cinque =