mercoledì , 19 Maggio 2021
boom di biciclette
Foto di Karen Warfel da Pixabay

Nel 2020 boom di biciclette: perché gli italiani hanno deciso di acquistarle durante la pandemia?

Boom di biciclette nel 2020 in Italia. Secondo l’ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) l’anno appena trascorso – nonostante i molti risvolti negativi – è stato davvero favorevole soprattutto per la vendita di e – bike. In generale siano esse muscolari oppure elettriche, le bicilette sono ancora oggi molto in voga nel mercato della mobilità urbana e non solo.

Il 2020 – a prescindere da quanto si possa pensare – è stato di sicuro anche un anno di forte consapevolezza.

Infatti, durante questo periodo così burrascoso, è cresciuto paradossalmente il numero di persone sempre più attente ai benefici legati alla sostenibilità e all’ambientalismo. Molti italiani hanno deciso più che mai negli ultimi mesi di camminare a piedi e di preferire la biciletta ai classici mezzi di trasporto.

Procediamo gradualmente. Quali sono le percentuali relative al boom di biciclette nel 2020? Quanto hanno influito i bonus mobilità del governo Conte in questa scelta?

Scopriamolo insieme.

I dati sul boom delle bicilette

Come ha riportato l’ANCMA nel 2020 sono state vendute ben 2.010.000 biciclette, di cui 1.730.000 muscolari e 280.000 e – bike. Rispetto all’anno precedente si è registrato un incremento del 17% anno su anno: +14% per le bici tradizionali, +44% per quelle elettriche.

Un successo senza eguali. Se pensiamo che – come è scritto sempre sul report stilato da ANCMA – una cifra così considerevole venne registrata nella prima metà degli anni ’90, momento storico in cui la vendita delle mountain bike scosse un mercato piuttosto stagnante fino a quel periodo.

Buone notizie anche per le imprese che costruiscono bicilette.

Il successo delle industrie che costruiscono biciclette

Nonostante il 2020 sia stato un anno molto delicato soprattutto dal punto di vista lavorativo, questo è stato favorevole per le circa 250 imprese che costituiscono il comparto biciclette in Italia.

Il boom di biciclette del 2020 ha fatto sì che la produzione industriale crescesse del 6% rispetto al 2019. In particolare c’è stato un incremento del 29% legato alla fabbricazione delle biciclette elettriche.

Complessivamente la produzione di e – bike è in costante crescita da cinque anni a questa parte. Da poco più di 50mila unità nel 2015 a quasi 300mila nel 2020.

Ma quali sono le ragioni di tale successo?

Il commento di Magri

A spiegarle è stato Paolo Magri – Presidente di ANCMA – che ha dichiarato:

“Nella necessità di distanziamento, di mobilità sostenibile in ambito urbano, e nel desiderio di libertà e benessere vediamo uno dei principali motivi del ritorno in sella degli italiani. I risultati eccezionali del 2020 – ha aggiunto Magri – non sono certo un traguardo fine a sè stesso. Ma costituiscono un punto di partenza per passare dalla logica di incentivi all’acquisto a una prospettiva concreta di incentivi all’utilizzo fatta di attenzioni e investimenti sul piano culturale, per l’infrastrutturazione ciclabile, lo sviluppo del cicloturismo e per garantire la sicurezza di chi sceglie nel quotidiano la mobilità dolce”.

Inoltre, il successo e il boom di biciclette in Italia – oltre ai validi motivi citati da Magri – è legato anche al Bonus mobilità elargito dal governo Conte. Che – nonostante abbia ricevuto molte critiche – ha comunque permesso a molti italiani di muoversi liberamente rispettando la natura.

Infine, il rapporto ANCMA ci ricorda che gli italiani che hanno deciso di acquistare una biciletta nel 2020, lo hanno fatto principalmente in un negozio specializzato.

La pandemia – come è successo già con l’incremento del biologico nel 2020 – si è rivelata fondamentale per creare nuove prese di coscienza, che da tempo erano ormai assopite.

Margherita Parascandalo

Controlla anche

regione biologico

Una regione italiana destinerà nuove risorse al biologico

Una regione italiana sta investendo molto sul biologico. Stiamo parlando del Piemonte, che ha pubblicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − due =