mercoledì , 19 Maggio 2021
economia solidale italiana
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Economia solidale italiana: che cos’è e perché è importante

L’economia solidale italiana è un’alternativa economica a quella vigente. Tende a valorizzare le relazioni tra i soggetti, un’equa ripartizione delle risorse, il rispetto e la tutela dell’ambiente ed infine ha finalità sociali verso i più deboli.

Le prime esperienze di economia solidale italiana iniziarono negli anni Ottanta, grazie alla diffusione del commercio equo e solidale e della finanza etica mutualistica solidale (MAG: Mutua Auto Gestione). Dieci anni più tardi la realtà si ampliò, perché iniziarono a diffondersi numerose attività legate sia al consumo critico, sia ai vari gruppi di acquisto solidale (Gas) che di Bilanci di Giustizia.

Da tali esperienze nel 2002 venne poi attivato – da un gruppo di lavoro cittadino – un percorso per la costruzione di una “Rete di economia solidale”. Infatti, l’anno successivo – a Padova – l’esperienza si concretizzò con la stesura della “Carta per la Rete Italiana di Economia Solidale” (Carta RES). 

Nella “Carta RES” inoltre venne indicata la modalità per costruire una vera e propria comunità di scambio, partendo dai propri territori locali (DES: Distretto di Economia Solidale). 

I DES locali fanno parte di una struttura nazionale di coordinamento – chiamato il Tavolo RES –  che a sua volta fa riferimento a RIPESS Europa (Rete Intercontinentale per la Promozione dell’Economia Sociale e Solidale).

Ma quali sono le caratteristiche principali dei DES? E soprattutto: la “Rete Italiana di economia sostenibile italiana” è stata poi riconosciuta ufficialmente?

Caratteristiche dei DES

I DES si configurano come “laboratori” di sperimentazione civica. L’obiettivo principale consiste nel valorizzare le risorse locali e produrre ricchezza in condizioni di giustizia, sostenibilità ecologica e sociale. Promuovendo quindi solidarietà, filiera corta ed eticità. 

In che modo? Attraverso delle vere e proprie regole:

  • i soggetti che aderiscono al DES stringono tra loro patti di solidarietà, che li impegnano reciprocamente ad acquistare beni e servizi prioritariamente dalle altre aziende legate all’economia solidale italiana ad un prezzo ritenuto “equo”; 
  • gli Enti Locali interessati al progetto, favoriscono sul loro territorio la formazione dei DES, agevolando di conseguenza il coinvolgimento dei soggetti economici e delle loro associazioni, risparmiatori­ finanziatori. Le strutture esecutive possono finanziare imprese e progetti dell’economia solidale italiana;
  • le associazioni in sintonia con i principi dell’economia solidale ne diffondono la cultura;
  • insieme, tutti questi soggetti praticano e producono cultura e informazione sui temi e sulle esperienze dell’economia solidale italiana.

La nascita della RIES nel 2020

Dall’informalità della RES (Rete Italiana di economia solidale), a gennaio del 2020, è stata fondata a Roma la nuova “Rete Italiana per l’Economia Solidale” (RIES). 

La RIES è un’associazione nazionale, riconosciuta ufficialmente come un unico soggetto formalmente costituito. Diffonde i principi e le pratiche dell’economia solidale, dialogando sia con le istituzioni pubbliche che private, al fine di ottenere un modello di sviluppo alternativo a quello vigente. 

La nuova realtà conta 22 soci fondatori e mette in collegamento le realtà che già lavorano sul territorio, secondo i principi dell’economia solidale italiana.

Attualmente ne fanno parte: DES Modena, GAStorino, CAES, DESR Parco Agricolo Sud Milano, AltroModo Flegreo, Assobotteghe, Federazione per l’Economia del Bene Comune, AEres Venezia, Fondazione Finanza Etica, RES Lombardia, CO-energia, Rete Gas pattanti Marche, Equo Garantito, CRESER, Mercato&Cittadinanza, Bilanci di Giustizia, DES Altro Tirreno, Oltre Mercato Salento, Solidarius Italia, Associazione per la Decrescita, Fairwatch, OltreConfin.

Il commento di Jason Nardi

A tal proposito Jason Nardi – membro del consiglio direttivo di RIES – ha dichiarato su “Altreconomia”: 

“Nei primi anni in cui la RES ha iniziato a lavorare sul territorio, l’obiettivo era definire la sua identità nazionale. Ora che è riconoscibile, grazie alle esperienze accumulate negli anni, la nuova RIES vuole rafforzare i collegamenti tra le realtà dell’economia solidale e i soggetti che la costituiscono, dai piccoli produttori ai consumatori. In questo senso, e nella prospettiva di avviare un dialogo con istituzioni pubbliche e private, la formalità è un requisito necessario. Uno strumento utile anche per la partecipazione a bandi pubblici e privati, nazionali e internazionali”.

Non ci resta che diffondere i principi dell’economia solidale italiana, affinché il modello economico attuale non rappresenti l’unica soluzione contemporanea.

 

Fonte: Carta per la Rete italiana di Economia Solidale (RES)

Margherita Parascandalo

Controlla anche

regione biologico

Una regione italiana destinerà nuove risorse al biologico

Una regione italiana sta investendo molto sul biologico. Stiamo parlando del Piemonte, che ha pubblicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 4 =