sabato , 19 Giugno 2021
impatto ambientale tecnologie
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Più della metà delle aziende ignora l’impatto ambientale delle sue tecnologie

Più della metà delle aziende ignora l’impatto ambientale delle sue tecnologie. Questo è quanto emerge dallo studio “Sustainable It: Why it’s time for a Green revolution for your organization’s It” condotto da Capgemini.

Stano all’analisi, le organizzazioni che hanno sviluppato una roadmap completa per accelerare l’implementazione di un IT sostenibile hanno ottenuto punteggi migliori in ambito ESG (61%), una maggiore customer satisfaction (56%) e un risparmio in termini di imposte (44%). Nonostante ciò, sono ancora troppo poco consapevoli di come implementare pratiche IT sostenibili e di come contribuire proattivamente a ridurre l’impatto ambientale delle operazioni IT. Solo il 6% delle aziende ha infatti raggiunto un elevato livello di implementazione dell’IT sostenibile. 

Lo studio

Secondo lo studio, su mille organizzazioni a livello mondiale nei principali settori economici, l’89% ricicla meno del 10% del proprio hardware It.

Il 57% degli intervistati ignora l’impatto ambientale delle sue tecnologie, affermando di essere ignaro dell’impronta di carbonio dell’It della propria azienda. In particolare, il settore bancario e quello dei prodotti di consumo presentano i livelli più alti di awareness (rispettivamente 52% e 51%), mentre il settore della produzione industriale registra la percentuale più bassa (28%).

Solo il 34% è al corrente del fatto che la produzione di cellulari e computer portatili abbia un’impronta di carbonio più elevata rispetto all’uso effettivo di questi dispositivi durante tutto il loro ciclo di vita.

Semplice noncuranza?

Sempre secondo lo studio, questo gap è aggravato dal fatto che attualmente l’IT sostenibile non riceve la stessa attenzione e le stesse risorse di altre iniziative green. In termini di strategia, la metà delle aziende ha definito un approccio per la sostenibilità in senso ampio. Meno di una su cinque (il 18%) presenta una strategia in ambito IT sostenibile con obiettivi e scadenze ben definiti.
La maggior parte delle organizzazioni non dispone di strumenti adeguati o di standard universalmente condivisi per misurare l’impatto ambientale dell’IT. Solo il 29% utilizza infatti strumenti di valutazione delle emissioni di carbonio. E solo il 34% afferma che l’IT sostenibile è parte integrante dell’agenda del consiglio di amministrazione.
Anche l’uso di KPI per tracciare e misurare i progressi nella sostenibilità dell’IT aziendale risulta poco diffuso, con solo il 23% delle organizzazioni che misura le emissioni di gas serra.
In generale, solo l’1% delle aziende ha raggiunto i propri obiettivi. Stabilire il costo del carbonio per le operazioni IT può aiutare le organizzazioni di tutti i settori a prendere coscienza dell’impatto della loro impronta IT. Ma solo il 27% delle stesse ha standardizzato la pratica.

Il peso del settore tech

Il settore tecnologico è nella posizione ideale per esercitare la propria influenza e promuovere un cambiamento strutturale.
Le aziende tecnologiche stanno infatti intraprendendo azioni proattive nella riduzione delle emissioni di carbonio di operation, servizi e prodotti IT e molti operatori hanno annunciato i propri target per diventare carbon neutral. Di conseguenza, molte organizzazioni stanno cercando di trasferire sul settore IT la responsabilità della riduzione delle emissioni, con l’obiettivo di agevolare l’istituzione al proprio interno di pratiche IT sostenibili.
Circa il 52% delle organizzazioni intervistate afferma che le aziende del settore tech dovrebbero incorporare una dimensione di IT sostenibile nei loro prodotti e servizi. Il 61% vorrebbe che le aiutassero a misurare l’impatto ambientale dei loro processi. Mentre il 45% sarebbe disposto a pagare fino al 5% in più per prodotti e servizi IT sostenibili.
Fonte: studio Capgemini
Anna Gaia Cavallo

Controlla anche

Eco - mappa per riscoprire le nostre città

L’eco – mappa per riscoprire le nostre città: l’idea di Greenpeace

Il 5 giugno si è celebrata la giornata mondiale dell’ambiente e per quest’occasione l’ONG Greenpeace …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 1 =