venerdì , 30 Luglio 2021
Slow Wine Coalition
Foto di Willfried Wende da Pixabay

Slow Wine Coalition: la rete per un vino buono

La Slow Wine Coalition è la nuova rete mondiale di Slow Food nata grazie all’esperienza e ai principi che si sono evoluti intorno al progetto della guida Slow Wine. Si tratta di una nuova rivoluzione del mondo vitivinicolo, che riunisce tutti i protagonisti della filiera intorno alla consapevolezza che la strada giusta da seguire è quella della sostenibilità ambientale, della tutela del paesaggio e della crescita culturale e sociale dei territori del vino.

La Slow Wine Coalition

La Slow Wine Coalition ha l’obiettivo di riunire gli attori della filiera del vino – dai produttori agli importatori e distributori, dagli enotecari ai ristoratori, dai sommelier ai comunicatori e giornalisti, fino agli appassionati – ispirati dall’idea di un vino buono, pulito e giusto per tutti. 

Si collega al Manifesto Slow Food, un decalogo da rispettare per essere buoni vignaioli. Non semplici produttori di vino, ma fautori di un’agricoltura che promuova una crescita culturale, economica e sociale, etica e armonica sul territorio. Come? Rispettando il paesaggio e l’ecosistema nel quale si opera, impiegando materie prime locali e prodotti biologici, evitando l’utilizzo di pesticidi e riducendo il consumo di suolo, tutelando i diritti dei propri dipendenti e fornitori.

L’importanza della Slow Wine Coalition

Ad oggi sono molte le cantine che ricorrono a sistemi di coltivazione sostenibili, praticando l’agricoltura biologica e biodinamica. In futuro, soprattutto alla luce della lotta ai cambiamenti climatici, questo comparto dovrà per forza di cose accelerare. Inquinamento, depauperamento della biodiversità a causa dell’utilizzo di diserbanti e disseccanti, monocoltura nelle aree di maggior pregio, sfruttamento della manodopera sono alcune delle piaghe di cui purtroppo si macchia ancora il mondo del vino.

E non solo. Molto spesso le vigne sono collocate in collina o in montagna, in zone in forte pendenza. Spesso in questi territori l’uva è l’unica opportunità per creare valore. La moderna azienda vitivinicola assume così un ruolo centrale nella difesa del paesaggio. Tutelandone la bellezza e l’integrità e incoraggiando lo sviluppo di un sistema di turismo attento all’ecologia e alla gastronomia.

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui la Slow Wine Coalition è così importante.

La Slow Wine Fair

Già è fitto il calendario della Slow Wine Coalition per i prossimi mesi. A partire da luglio Slow Food contribuirà a organizzare momenti di incontro tra i primi protagonisti della Coalition in Italia e all’estero. Che firmeranno il Manifesto e racconteranno i princìpi a cui si ispirano.

Ma l’appuntamento più importante però si terrà a Bologna – dal 26 febbraio al 1° marzo 2022 – con Sana Slow Wine che presenta la Slow Wine Fair, l’evento internazionale dedicato al vino buono, pulito e giusto. La manifestazione – organizzata da BolognaFiere con la direzione artistica di Slow Food – ospiterà il primo incontro internazionale della Slow Wine Coalition.

Durante i quattro giorni della Slow Wine Fair si riuniranno centinaia di produttori da tutto il mondo in conferenze, dibattiti, degustazioni. E saranno esposte migliaia di etichette provenienti da ogni parte del globo. Quest’ultima parte sarà impreziosita dalla collaborazione con la Società Excellence. Che riunisce le diciotto aziende leader nella distribuzione in Italia e vedrà la giornata di domenica aperta agli appassionati. Lunedì e martedì, invece, saranno dedicati ai professionisti.

La Slow Wine Fair vedrà la partecipazione di FederBio, storico partner di BolognaFiere con Sana e attivo anche in collaborazioni con Slow Food, che curerà una sezione dedicata ai vini certificati bio.

 

Fonte: LaRepubblica

 

 

Anna Gaia Cavallo

Controlla anche

alberi di gelso per uno sviluppo sostenibile

Ci vorrebbero più alberi di gelso per uno sviluppo sostenibile: lo conferma un nuovo studio 

Un nuovo studio pubblicato su ScienzeDirect lo conferma: ci vorrebbero più alberi di gelso per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + diciannove =