sabato , 26 Novembre 2022
cambiamenti climatici bambini
Foto di kristi611 da Pixabay

I cambiamenti climatici minacciano un miliardo di bambini

I cambiamenti climatici minacciano un miliardo di bambini. Secondo il Children’s climate risk index – presentato nel rapporto “The climate crisis is a child rights crisis” (La crisi climatica è una crisi dei diritti dei bambini) e – pubblicato dall’Unicef – sono 33 i Paesi, in cui vivono un miliardo di bambini, classificati come a rischio estremamente elevato per il clima.

Lo studio

Lo studio ha catalogato i Paesi in base all’esposizione ad alcuni fattori di rischio. Tra questi inquinamento, scarsità idrica, cicloni, ondate di calore e alluvioni e alla vulnerabilità dei bambini rispetto alla disponibilità e alla qualità dei servizi essenziali come l’educazione, i servizi socio – sanitari e l’accesso all’acqua.

Quasi tutti i bambini nel mondo sono esposti ad almeno una di queste conseguenze. 850 milioni di loro a quattro o più fattori di rischio. Nello specifico, 335 milioni di bambini sono altamente esposto a inondazioni fluviali. 240 milioni di bambini sono molto esposto alla costa allagamento. 400 milioni di bambini nel mondo vivere in zone che sono altamente esposto a cicloni tropicali.

Parlando di inquinamento, sappiamo che:

  • 2 miliardi di bambini vivono in aree dove l’aria l’inquinamento (PM2,5) supera la qualità dell’aria delle linee guida dell’OMS (di 10µg/m3)
  • 1,7 miliardi di bambini (tre quarti dei bambini a livello globale) sono attualmente altamente esposti all’aria inquinamento superiore a 15µg/m3
  • 1,3 miliardi di bambini (quasi due terzi a livello globale) sono attualmente altamente esposti all’inquinamento atmosferico che supera i 25µg/m3 
  • 1 miliardo di bambini (quasi la metà dei bambini a livello globale) sono attualmente altamente esposti all’aria inquinamento che supera 35µg/m3

L’inquinamento atmosferico supera la sicurezza livelli per quasi 2 miliardi di bambini. È estremamente alto per oltre 1 miliardo di bambini, con il 15% in più di possibilità di morte.

Disuguaglianze tra Paesi

Tra i 33 Paesi più vulnerabili per le conseguenze dei cambiamenti climatici sui bambini troviamo la Repubblica centroafricana, il Ciad, il Niger, la Guinea e la Guinea Bissau. Questi emettono il 9% della CO2.

Tra i dieci Paesi responsabili del 70% delle emissioni, solo l’India è classificata a rischio estremamente elevato.

Il Rapporto, sottolineando questa profonda diseguaglianza, enfatizza l’urgenza di destinare fondi per la ricerca e lo sviluppo di fonti rinnovabili ai Paesi più vulnerabili.

L’Italia si posiziona al 102esimo posto su 163 del Children’s climate risk index. Quindi si colloca tra i Paesi a “medio rischio”. Questo è dovuto all’esposizione “alta” alle conseguenze ambientali e climatiche e al valore “molto basso” per la vulnerabilità dei bambini). In ogni caso, l’Italia si colloca, con la Francia, al primo posto rispetto agli altri Paesi dell’Unione Europea.

Clima e migrazioni

C’è uno stretto rapporto tra i rischi legati ai cambiamenti climatici e il tasso di migrazione di bambini. In 8 Paesi sui 33 classificati a rischio estremamente elevato il numero di sfollati supera il 5%.

Questo accade perchè i cambiamenti climatici influiscono sulle migrazioni non solo rendendo più vulnerabili e meno ospitali i territori colpiti, ma diventando causa scatenante di conflitti nei casi di carenza delle risorse, come ad esempio per scarsità idrica.

Clima e violazione dei diritti dei bambini

La crisi climatica colpisce – oppure colpirà – tutti i bambini, ovunque, in modo spesso significativo. Questo mina i diritti sanciti dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia dell’ONU, tra cui:

  • Articolo 3: L’interesse superiore del bambino deve essere una priorità assoluta
  • 6: Diritto alla sopravvivenza e allo sviluppo
  • 9 – 10: Relazioni familiari e non essere separato dai propri genitori contro i propri volere
  • 12: Diritto di voce
  • 24: Diritto alla salute
  • 27: Diritto a un tenore di vita adeguato
  • 28: Diritto all’istruzione.

Come cambiare la situazione attuale?

Secondo il Rapporto, raggiungere un ambiente a misura di bambino richiede impegno da parte dell’intera società. Sarà necessario:

  • Aumentare gli investimenti sull’adattamento climatico e sulla resilienza nei servizi chiave per i bambini. Proteggere bambini, comunità e persone vulnerabili dai peggiori impatti del già mutevole clima è la priorità assoluta. I servizi oggi critici – compresi acqua, servizi igienico – sanitari, scuola – devono essere adattati alle esigenze reali dei bambini.
  • Ridurre le emissioni di gas serra. Per contrastare la crisi climatica, è necessaria un’azione globale e urgente. I Paesi devono ridurre le proprie emissioni almeno del 45% – rispetto ai livelli del 2010 – entro il 2030.
  • Fornire ai bambini nozioni sul clima. Bambini e ragazzi affronteranno le conseguenze devastanti della crisi climatica ed idrica, eppure sono le persone in assoluto meno responsabili. Abbiamo un dovere verso tutti i giovani e le generazioni future.
  • Garantire il recupero dal Covid – 19. Il recupero dovrà essere verde, a basse emissioni di carbonio e inclusivo, in modo che la capacità delle generazioni future di affrontare e rispondere alla crisi climatica non sia compromessa.

Ogni bambino merita un Pianeta vivibile.



					
					
Anna Gaia Cavallo

Controlla anche

ICEA alla Conferenza Annuale di Textile Exchange 2022 in Colorado

ICEA sta partecipando con una propria delegazione alla Conferenza Internazionale organizzata da Textile Exchange a Colorado Springs (USA), in corso fino al 18 novembre 2022. Textile Exchange è una delle più importanti organizzazioni non-profit internazionali per lo sviluppo responsabile e sostenibile nel settore tessile. Uno degli obiettivi  principali dell’organizzazione è supportare l’industria manifatturiera, al fine di raggiungere la riduzione del 45% delle emissioni prodotte entro il 2030. Nelle vesti di rappresentati ICEA: Giuliano D’Antonio, Consigliere del CdA e delegato al settore Non Food, il Direttore Tecnico Mariano Serratore e Giuseppe Portarapillo, Responsabile degli schemi di certificazione Tessile. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

uno + dieci =