lunedì , 18 Ottobre 2021
Costiera Amalfitana verso un turismo sostenibile
Foto di Bruno Bordderr da Pixabay

La Costiera Amalfitana verso un turismo sostenibile

“La Costiera Amalfitana verso un turismo sostenibile” è il nuovo progetto iniziato il 13 settembre. Il progetto innovativo è nato con la collaborazione tra il Distretto Turistico Costa d’Amalfi, l’ENIT e il Forum Anders Reisen. Quest’ultima è unassociazione aziendale e imprenditoriale con sede ad Amburgo, specializzata in un turismo a impatto zero.

L’obiettivo è promuovere la Costiera come meta per un viaggio sostenibile.

In passato

In realtà, da tempo la Costiera Amalfitana punta a un turismo green.

Nel 2019 il catamarano “Sentinelle Spazzamare” ha raccolto e smaltito i rifiuti abbandonati in mare.

Importante è stato anche il progetto “Little Hunter”, il robot marino che ha vigilato sulle acque, per mantenerle pulite.

Inoltre, nel 2020, il Distretto Turistico Costa d’Amalfi, con la Rete Sviluppo Turistico Costa d’Amalfi, ha iniziato a realizzare una rete di ricarica per la mobilità sostenibile. Da Vietri a Positano, le colonne per la ricarica sono utili sia per le automobili che per i mezzi di trasporto. Il 2020 ha visto l’istallazione di tredici dispositivi di ricarica. Altri sette dispositivi sono previsti entro la fine del 2021, anche grazie alla collaborazione della start up DriWe.

In collaborazione con la start up Elettrify, invece, il Distretto Turistico Costa d’Amalfi e la Rete Sviluppo Turistico Costa d’Amalfi hanno reso possibile il noleggio di monopattini elettrici fra Vietri sul Mare, Cetara, Minori, Amalfi, Praiano e Positano.

Il nuovo progetto

Il nuovo progetto “Costiera Amalfitana verso un turismo sostenibile” si sviluppa su due appuntamenti.

Dal 13 al 17 settembre alcuni membri della press tedesca sono ospiti in Costiera, per vedere in prima persona le esperienze legate al turismo sostenibile.

Dal 25 al 29 ottobre, invece, verranno ospitati i tour operator, membri del Forum Anders Reisen. Questi, in un workshop educativo, incontreranno gli operatori locali del turismo sostenibile. In seguito, proporranno le varie attività ai propri clienti. Gli ospiti verranno accompagnati in escursioni, gite in bicicletta, percorsi artistici, antropologici e gastronomici, per conoscere ed esplorare le bellezze della Costiera a 360°.

Il distretto turistico in questi anni si è posto come obiettivo prioritario l’orientamento della destinazione verso un turismo più adatto e sostenibile sia dal punto di vista economico che da quello ambientale e sociale. La collaborazione con ENIT è vitale per comunicare lo sforzo che si sta facendo e porre l’attenzione su quelle esperienze e attività maggiormente in linea con quella che, oramai, è diventata anche una richiesta dei mercati.

Sono queste le parole di Andrea Ferraioli, presidente del Distretti Turistico Costa D’Amalfi.

Dunque, un grande passo in avanti per la Costiera e per tutta la Campania, che punta a crescere puntando, in modo sostenibile, sul grande patrimonio naturalistico, culturale e artistico.

Marianna Fierro

Controlla anche

Hill house, la “casa passiva” che costa un terzo del normale e non ha nessun costo per l’ambiente

L’hill house, o conosciuta anche come casa-collina, è un mix tra un’abitazione e uno spazio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 18 =