lunedì , 18 Ottobre 2021
SDGs
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

I contributi del settore privato rimangono insufficienti per raggiungere gli SDGs entro il 2030

In che modo i governi possono contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030? A questa domanda ha provato a rispondere un rapporto pubblicato dall’Ocse, dal titolo “Industrial policy for the Sustainable Development Goals”. Che ha indagato come le imprese possano contribuire a un’ampia gamma di SDGs, in particolare attraverso il loro core business.

Il rapporto

Il settore privato ha un ruolo significativo nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Le imprese possono contribuire al bene sociale inventando nuovi prodotti, riducendo le esternalità negative e fungendo da canali per impatti transfrontalieri positivi.

Dal momento che gli SDGs attirano sempre più attenzione, questa linea d’azione può ampliare sia le opportunità di business per le aziende che il valore aggiunto per la società.

I contributi del settore privato rimangono insufficienti per raggiungere gli SDGs entro il 2030. Le tensioni tra obiettivi finanziari e di sostenibilità ostacolano gli impegni di sostenibilità delle imprese, lasciando spazio a interventi politici per favorire i contributi agli SDGs.

Ci sono inoltre grandi differenze tra Paesi, settori e dimensioni dell’impresa. Quest’ultimo è ritenuto uno dei principali fattori determinanti delle azioni, dello sviluppo di prodotti correlati agli SDGs e della definizione degli obiettivi. Le piccole imprese possono trovarsi in una posizione di svantaggio rispetto alle grandi imprese nella transizione verso la sostenibilità.

I dati dell’indagine mostrano anche che gli obiettivi 3, 5, 8, 9, 12 e 13 sono prioritari per le imprese, anche se non necessariamente legati al loro core business.

Politiche sane per gli SDGs richiedono uno sforzo sulla misurazione della consapevolezza, delle azioni e degli impatti delle imprese

La misurazione della consapevolezza, delle azioni e dell’impatto delle imprese sugli SDGs rimane impegnativa, nonostante molte iniziative volte a fornire un quadro di rendicontazione della sostenibilità per gli impatti sociali e ambientali.

I contributi delle imprese agli SDGs sono di natura intersettoriale e internazionale. Tenere conto di questi collegamenti è della massima importanza quando si progettano le politiche industriali per gli SDGs. Con l’aumento delle catene del valore globali negli ultimi decenni, l’impatto delle imprese deve essere valutato a livello globale, tenendo conto delle reti di fornitori e clienti transfrontalieri.

Sui collegamenti intersettoriali, vengono evidenziate l’importanza dei settori a monte nel raggiungimento degli SDGs e la necessità di un approccio all’intera catena del valore. Le attività relative agli SDG si basano su una rete di fornitori nazionali a monte. Il cui valore aggiunto può rappresentare fino all’80% di quello delle attività relative agli SDG.

Il commercio internazionale offre opportunità alle imprese sostenibili di contribuire agli SDGs in altri Paesi. Ed assume un ruolo di primo piano. La domanda finale di un Paese per le attività legate agli SDG spesso dipende in misura significativa dal valore aggiunto estero.

L’analisi rivela una significativa eterogeneità tra i paesi, in termini di valore aggiunto ed esportazioni legate a ciascun obiettivo, indicando punti di forza e divari a livello nazionale, ma anche mettendo in luce il potenziale di scambi reciprocamente vantaggiosi a livello internazionale.

Raccomandazioni chiave

Le politiche industriali (comprese le politiche per l’innovazione e il quadro generale delle imprese) possono favorire il contributo delle imprese agli SDGs attraverso il loro core business. A tal fine, i governi fanno affidamento su una serie diversificata di strumenti politici, giustificati dalla sfida multiforme degli SDGs. 

Ciò richiede un approccio integrato per articolarli:

  • I regolamenti e le tasse sono componenti chiave dei pacchetti di politiche, ma devono essere integrati anche con altri tipi di politiche. Potrebbero non essere all’altezza quando si tratta di stimolare l’innovazione necessaria per sviluppare le nuove tecnologie e soluzioni necessarie per superare le sfide globali.
  • Lo sviluppo di soluzioni innovative alle sfide globali richiede un ecosistema vivace, che fa affidamento su molte start-up e imprenditori. Promuovere la creazione di imprese innovative sostenibili può essere uno strumento efficace per promuovere il contributo del settore privato agli SDGs attraverso il proprio core business.
  • Risulta necessario un sostegno alle imprese per innescare la transizione verso modelli di business sostenibili, poiché il processo comporta costi e rischi significativi.
  • Sono necessarie condizioni quadro aziendali adeguate. L’avvento di un’economia sostenibile richiederà una significativa riallocazione delle risorse verso attività e imprese più sostenibili. In particolare, il commercio internazionale, se associato a condizioni di parità sui temi della sostenibilità, può contribuire agli SDG aumentando le dimensioni del mercato per le imprese sostenibili. Infine, gli strumenti sul lato della domanda possono anche essere utili per creare nuovi mercati per prodotti e servizi sostenibili.
  • Le strategie industriali orientate alla missione forniscono una struttura appropriata per articolare coerentemente gli strumenti politici e stabilire una governance adeguata. Per limitare i rischi di acquisizione delle politiche, si dovrebbe porre l’accento sull’inclusione di tutti i tipi di imprese (comprese quelle giovani e piccole), sulla valutazione delle politiche e sul refitting periodico.
Anna Gaia Cavallo

Controlla anche

Hill house, la “casa passiva” che costa un terzo del normale e non ha nessun costo per l’ambiente

L’hill house, o conosciuta anche come casa-collina, è un mix tra un’abitazione e uno spazio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + 15 =