martedì , 18 Gennaio 2022
produrre una bici
produrre una bici

Produrre una bici: quanto costa all’ambiente?

È ormai all’ordine del giorno il consiglio di utilizzare una bicicletta come veicolo di trasporto per inquinare di meno. Ma quanto costa produrre una bici ? A questa domanda ha provato a rispondere WAP Sustainability Consulting, per conto dell’azienda Trek, produttrice di biciclette.

Il rapporto

Dal rapporto emerge come molte emissioni derivano proprio dalla produzione di biciclette.

I modelli presi in considerazione sono vari. La media è di 174 chilogrammi di C02 per ogni modello di bici preso in considerazione. Complessivamente, i modelli presi in considerazione, superano i 300kg di C02.

I modelli

Tra i modelli analizzati compare Marlin. Questo modello è il rappresentante delle categorie ad alto volume, come le mountain bike entry-level e gli ibridi. Per la produzione di questo modello vengono prodotti 116 kg di CO2.

Viene analizzato anche Madone, la bicicletta da strada in fibra di carbonio, per la cui produzione vengono emessi 197 kg di CO2.

Ancora, nel report è preso in considerazione Fuel EX. Quest’ultimo modello viene preso in considerazione come rappresentante delle mountain bike a pedalata assistita. Nel corso della sua produzione vengono emessi 153 kg di CO2.

Compare come modello anche Rail. Quest’ultimo è il rappresentate delle biciclette elettrice. Per produrre questa bici vengono emessi 229 kg di CO2.

I risultati

In sostanza, per le bici costruite perlopiù con alluminio (come Marlin) si emettono meno kg di CO2 rispetto a quelle costruite con più alluminio (come Madone).

Dunque, i prodotti in carbonio hanno un notevole peso sul totale. Infatti, dei 197 kg di CO2 emessi durante la produzione del modello Madone, il 29% è a carico del telaio, il 21% è a carico della ruota posteriore mentre il 15% di quella anteriore. Entrambe le ruote sono in carbonio.

Per quanto riguarda il modello Fuel EX, le ruota incidono il 6% ciascuna, pur essendo in carbonio. La forcella, invece, incide per il 4% e la forcella del 2%.

Le singole parti

Il report analizza anche quanto inquina la produzione delle singole parti.

In generale, la forcella incide di più (16%) alta tra gli elementi sulle emissioni di CO2. Segue la batteria (15%) e il telaio per le bici in carbonio (11%). La guarnitura incide al 9% sulle emissioni di CO2 mentre il motore delle bici si ferma all’8%. Il singolo caricatore, inevece, incide del 4%.

Le soluzioni

Dunque, produrre una bici costa all’ambiente ma sono tanti gli accorgimenti da poter fare durante la produzione.

Ad esempio, si potrebbero ridurre i trasporti aerei per le spedizioni e fare dei carichi più grandi per ridurre le emissioni del trasporto su strada.

Si potrebbe utilizzare un packaging che escluda la plastica come è avvento con il modello Marlin, per il quale è stato ridotto l’uso di plastica di ben 45 tonnellate.

Ancora, si potrebbero utilizzare energie rinnovabili e materiali riciclati per produrre una bici.

Da incentivare, poi, sarebbe anche il bike sharing che sta riscuotendo sempre più successo.

Anche alla luce di queste stime il mondo ha bisogno di diventare più bike- friendly. Perciò pedala, pedala!

Marianna Fierro

Controlla anche

Il fenomeno dei “voli fantasma” e l’allarme delle compagnie aeree: che cosa sta succedendo?

I cieli d’Europa  si stanno riempendo di “voli fantasma”, vuoti o semivuoti, causando emissioni inutili …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − diciannove =