mercoledì , 8 Dicembre 2021
Foto di Valiphotos da Pixabay

Report Foreste 2021 di Legambiente: le proposte per salvare le foreste italiane

Come ogni anno l’associazione ambientalista italiana Legambiente ha pubblicato il Report Foreste 2021. Le foreste italiane sono presenti su 1/3 del territorio nazionale. Nello specifico, parliamo di ben 11 milioni di ettari da tutelare e difendere.

Per questo motivo, Legambiente ha, contestualmente alla COP26, lanciato una serie di proposte per salvaguardare in maniera concreta le nostre foreste. 

Scopriamo insieme i dettagli del Report Foreste. 

Salvare le foreste dopo la COP26

Da pochi giorni si è conclusa la COP26 a Glasgow, durante la quale è stata posta al centro del dibattito la dichiarazione sulle foreste. Sottoscritta da 114 Paesi partecipanti (che complessivamente rappresentano l’85% del suolo forestale), l’obiettivo sarà limitare e invertire sulla deforestazione entro il 2030.

Infatti, i sottoscrittori metteranno a disposizione 20 miliardi di dollari per recuperare i terreni danneggiati, per prevenire gli incendi boschivi e per aiutare le comunità locali che vivono nei territori forestali.

L’Unione Europea si è espressa favorevole per affrontare la deforestazione a livello globale. Così come  anche il Brasile, insieme all’Unione Europea, Cina, Regno Unito, USA; cioè quasi la totalità dei Paesi responsabili della deforestazione a livello globale, oltre all’Indonesia che è il più grande produttore ed esportatore di olio di palma. Non dimentichiamoci la Russia che detiene le più estese foreste del mondo e il Congo che sarà tra i maggiori beneficiari delle risorse finanziarie tra i paesi africani.

Una piaga tutta italiana, invece, riguarda gli incendi che, nella sola estate 2021, avrebbero riguardato circa 158 mila gli ettari di territorio boscato. Di questi, 40 mila ettari si trovavano in aree tutelate da Rete Natura 2000, la rete delle aree protette dell’Unione europea.

L’87% dei roghi si è concentrato principalmente in tre regioni: Sicilia, Sardegna e Calabria vittime del cambiamento climatico e non solo.

A tal proposito che cosa ha proposto Legambiente per salvaguardare le foreste?

“Conservare, ricostruire, rigenerare”: le 10 proposte di Legambiente nel Report Foreste

Conservare, ricostruire, rigenerare è il sottotitolo scelto per il Forum 2020, per attuare e promuovere una discussione con le istituzioni e gli stakeholders più
importanti sullo stato e le prospettive del settore forestale. 

Legambiente, così come è indicato nel suo Report Forestale, per conservare, ricostruire e rigenerare le foreste italiane, ha elaborato dieci proposte:

  1. mantenere gli ecosistemi sani e le foreste resilienti per frenare gli effetti del climate change;
  2. incrementare il territorio protetto e creare la rete nazionale delle foreste primarie e vetuste;
  3. realizzare un sistema di monitoraggio, ricerca e conoscenza degli ecosistemi forestali;
  4. prevenire i rischi naturali e ridurre le minacce per le foreste;
  5. creare foreste urbane per rigenerare le città e combattere la crisi climatica;
  6. garantire la diffusione della pianificazione e della certificazione forestale;
  7. realizzare il Cluster del Legno nazionale per sostenere il Made in Italy e supportare le filiere forestali locali sostenibili;
  8. aumentare l’uso del legno nei processi produttivi e l’uso a cascata ai fini energetici;
  9. sostenere la bioeconomia circolare e finanziare la biodiversità e le infrastrutture verdi;
  10. contrastare il commercio illegale del legno e dei prodotti di origine forestale.

Gli alberi sono alleati del clima e fungendo da depuratori naturali dell’aria, riescono a mitigare l’effetto serra assorbendo l’anidride carbonica e le altre emissioni di origine antropica che modificano il clima.

Educare la popolazione sui benefici della salute pubblica nel piantare e\o proteggere gli alberi fa solo bene a tutti.

 

Margherita Parascandalo

Controlla anche

Tra le regioni europee più attive per l’ambiente ci sono anche quella italiane

La cooperazione interregionale e transnazionale è fondamentale per uno sviluppo sostenibile ed è ciò che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 3 =