martedì , 18 Gennaio 2022

Tra le regioni europee più attive per l’ambiente ci sono anche quella italiane

La cooperazione interregionale e transnazionale è fondamentale per uno sviluppo sostenibile ed è ciò che è emerso dalla recente ricerca ‘CE FLOWS’ (Ottobre 2021). Da quest’ultima, realizzata dal programma di studi Espon dell’Ue, emerge che tra le regioni europee più attive per l’ambiente, che puntano alla cooperazione interregionale e transnazionale ve sono alcune italiane. Queste sono Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte. Ciò le rende anche delle regioni particolarmente attente all’ambiente.

 

L’ESPON

 

L’ESPON è stata adottata nel 2016 dalla Commissione europea per promuovere una cooperazione e uno sviluppo all’interno dell’Unione europea, fornendo prove, trasferimento di conoscenze e apprendimento tra tutti gli attori politici.

 

Lo studio

 

Lo studio in questione dell’ESPON ha preso in considerazione gli scambi e il livello di integrazione nell’ Europa centrale. In questo sono compresi nove Stati: Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Slovacchia e Slovenia, alcune regioni di Italia e Germania.

L’area è il 23% del territorio complessivo dell’Ue e  produce il 68% del valore aggiunto nel manifatturiero dell’intera Ue. 

 

I risultati

 

I ricercatori hanno analizzato la cooperazione in materia ambientale. In secondo luogo, hanno analizzato il rapporto tra economia sostenibile e ricerca e innovazione.

 

Nel primpo caso, la Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte sono le regioni più attive. Possono vantare di questo risultato insieme alla Slovenia e alla Croazia.

 

Nel secondo caso, invece, emergono la Lombardia, l’Emilia Romagna, l’Alta Baviera, la Slovenia occidentale, Berlino, Vienna e Varsavia le regioni europee più attive per l’ambiente.

 

Dai dati inoltre emerge che le regioni che cooperano in materia ambientale hanno maggiori risultati anche nella transizione energetica. In italia, le regioni che spiccano sono ancora la Lombardia e l’Emilia-Romagna, con l’aggiunta del Piemonte.

 

La cooperazione interregionale e transnazionale può essere un’alleata al fine di raggiungere uno sviluppo sostenibile. L’unione fa la forza: anche nei confronti dell’ambiente.

Marianna Fierro

Controlla anche

Il fenomeno dei “voli fantasma” e l’allarme delle compagnie aeree: che cosa sta succedendo?

I cieli d’Europa  si stanno riempendo di “voli fantasma”, vuoti o semivuoti, causando emissioni inutili …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + quattro =