martedì , 18 Gennaio 2022
Fonte: Maty Cambio

Approda a Nola “Maty Cambio”, una realtà eticamente imprenditoriale dedicata all’ecoluxory

Grazie a un’idea di Matilde Vitolo, è stato inaugurato lo scorso 19 dicembre, a Nola, Maty Cambio. Nella cornice della cittadina dei gigli, la giovane imprenditrice ha condotto una vera e propria fashion revolution.

Nello specifico, Matilde Vitolo è promotrice di una vera e propria metamorfosi nel settore moda, in quanto luogo di cambiamento, dove è possibile acquistare e anche noleggiare, per brevi periodi, accessori ecoluxury.

L’attività in questione, è, infatti, una realtà eticamente imprenditoriale, che ha come obiettivo il rispetto per l’ambiente a prezzi anche convenienti. 

Questo perché giovane nolana non solo punta sulla novità del non possesso del bene, ma, da artista poliedrica qual è, promuove anche tutto il ‘dress recode’ : una collezione di cappotti sartoriali unici, ideati e realizzati nel Sud Italia, con materiali d’eccellenza e massima cura di ogni dettaglio; inoltre, all’interno dell’esercizio è presente anche l’angolo ‘glam buvette’ dedicato ai momenti di relax fuori dagli schemi.

Progettare, sperimentare, apprezzare e soprattutto cambiare. Così come recita un claim di lancio: «Cambiare è sempre una buona idea». Cambiare per la Vitolo fa bene, perché significa promuovere idee aperte, civili e di conseguenza necessarie per disgregare il fenomeno dilagante del ‘fast fashion’. 

Sorge, quindi, spontanea una domanda: che cosa intende l’imprenditrice per ‘fast fashion’? E, soprattutto, perché puntare sull’ecoluxury? 

Scopriamolo insieme.

L’idea di Matilde Vitolo

Sui danni del  ‘fast fashion’ e su che cosa significhi  ‘ecoluxury’, la Vitolo ha dichiarato:

«Manodopera low cost e condizioni salariali da schiavismo; materiali e processi inquinanti (dai derivati del petrolio ai pesticidi nelle coltivazioni intensive di piante da filati); scarti di coloranti chimici illegalmente smaltiti a mare o nei fiumi; infine, la quantità insostenibile di rifiuti generata dalla moda usa e getta. Tutto questo è il fenomeno del fast fashion. Maty Cambio è una risposta concreta sia all’insostenibilità della moda (solo apparentemente) economica, sia alle problematiche del luxury, che sebbene oggi sia quasi sempre ecosostenibile, è causa di consumismo e ostentazione. Offrendo il servizio noleggio accessori di lusso, ci poniamo come marchio ‘ecoluxury’ accessibile a tutti. Spendere il necessario, quando occorre o quando si vuole, per capi d’alta moda, rende realmente il luxury etico e sostenibile. Inoltre, la linea sartoriale del marchio procede proprio in questa direzione e proponiamo cappotti — pezzi unici — a costi giusti per capi di pregio curati nei minimi dettagli, realizzati con un ciclo di lavoro virtuoso, interamente nel Sud Italia. Per finire, c’è l’angolo buvette dove sorseggiare estratti di frutta e vegetali, cocktail e caffè, in una cornice glam! Ovviamente anche per l’angolo bar rivolgiamo massima attenzione alla sostenibilità, da prodotti bio e attentamente selezionati, all’uso di pack compostabili».

Fonte: Maty Cambio

Ricordiamo che al fine di raggiungere l’obiettivo di una moda completamente ecosostenibile, nel 2019, è nato il Fashion Pact.

Quest’intesa ha messo insieme marchi di lusso come Hermès, Prada e Stella McCartney e brand della cosiddetta fast fashion, capace di proporre nuove collezioni ogni quindici giorni (circa 80 miliardi di vestiti annuali in totale).

Il commento di Vincenzo Notaro

A tal proposito, Vincenzo Notaro (Officina Mirabilis), creativo incaricato della campagna di lancio del marchio, ha dichiarato:

«Cambiare è una scelta di espressione libera, ma è anche un impegno civile. La possibilità di cambiare è sentirsi unici nella propria diversità, in un’accezione non banale e politicamente corretta, ma complessa e responsabile».

Maty Cambio si trova in via Giordano Bruno 34, a Nola (NA), il sito web è all’indirizzo www.matycambio.it, ed è su Instagram, Facebook e Tiktok.

Fonte: Maty Cambio

Fonte: Officina Mirabilis

Margherita Parascandalo

Controlla anche

Il fenomeno dei “voli fantasma” e l’allarme delle compagnie aeree: che cosa sta succedendo?

I cieli d’Europa  si stanno riempendo di “voli fantasma”, vuoti o semivuoti, causando emissioni inutili …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × tre =