giovedì , 19 Maggio 2022

I nostri piatti pieni di pesticidi: l’allarme di Legambiente

Mettiamo in tavola sempre più alimenti contaminati da pesticidi. È questo il quadro allarmante emerso da “Stop pesticidi 2021”; documento frutto di un’indagine di Legambiente realizzata in collaborazione con Alce Nero, che ha analizzato 2500 campioni alimentari.

Ad essere maggiormente contaminate sono frutta e verdura, alimenti ritenuti sani e nutrienti, ma che in Italia continuano a essere coltivati con grandi quantità di prodotti fitosanitari. I dati dimostrano che il 53,9% dei campioni analizzati conteneva tracce di sostanze chimiche derivate dai pesticidi.

Scopriamo insieme ulteriori dettagli.

Un po’ di chiarezza: cosa sono i pesticidi?

“Pesticidi” è un termine ampio, che fa riferimento a una vasta gamma di prodotti chimici utilizzati in agricoltura. Infatti, ricadono sotto il vocabolo sia i prodotti fitosanitari, destinati a mantenere in buona salute le colture e a evitare che esse possano essere aggredite dalle malattie, sia i biocidi, atti, invece, a debellare organismi nocivi o portatori di malattie come ratti, topi, insetti, vermi, funghi, piante e acari.

L’UE ha varato una serie di disposizioni particolarmente severe volte a regolarne l’utilizzo in campo agricolo ((CE) N. 1107/2009), ma nonostante ciò quantità troppo alte di queste sostanze continuano a contaminare i nostri piatti.

Nell’uomo, l’esposizione prolungata ai pesticidi può causare danni al sistema nervoso centrale, nonché problemi al fegato e di fertilità.

L’appello di Legambiente

Al fine di contrastare la diffusione massiva dei pesticidi, Legambiente ha lanciato un appello, con il quale invita a ridurre l’utilizzo di tali sostanze in ambito alimentare. Il responsabile agricoltura Legambiente, Angelo Gentili, si è infatti così espresso:

“Dobbiamo adoperarci per raggiungere obiettivi sempre più sfidanti, sollecitando i decisori politici nazionali, come indicato con chiarezza dalle strategie Farm to fork e Biodiversità che entro il 2030 prevedono: riduzione del 50% dei pesticidi, riduzione del 20% dei fertilizzanti, riduzione del 50% degli antibiotici, raggiungimento del 10% delle aree agricole destinate ai corridoi ecologici e del 25% di superficie coltivata a biologico in Europa”.

Pur assistendo nel corso degli anni ad una diminuzione dell’uso dei pesticidi, c’è ancora molto da fare.

Stefano Cortese

Controlla anche

Fotovoltaico da balcone, risparmiare energia anche in casa

Con l’aumento delle bollette, un valido metodo per risparmiare sui costi, consiste nell’utilizzare un impianto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + quindici =