mercoledì , 19 Maggio 2021
Cassette postali Smart
Foto di anSICHThoch3 da Pixabay

Poste Italiane punta sul green: in arrivo 11 mila cassette postali Smart che misurano il livello d’inquinamento

Nei piccoli comuni italiani con meno di 5.000 abitanti, sono state installate cassette postali Smart in grado di rilevare la temperatura, la percentuale di umidità ed il grado di inquinamento.

L’iniziativa, promossa da Poste Italiane, rientra nei progetti “Decoro Urbano” e “Sindaci d’Italia”, che prevedono la riqualificazione degli spazi urbani nei piccoli Comuni di riferimento.

Non solo green ma anche tecnologizzazione. Sarà infatti possibile verificare lo stato della corrispondenza direttamente da un apposito spazio digitale collegato alle cassette postali Smart. 

Perché le cassette postali smart sono utili per l’ambiente?

Nello specifico le cassette postali Smart possono misurare il livello di polveri sottili Pm10 e Pm2.5, biossido di azoto e anidride carbonica della tua città.

Inoltre, collegandosi al sito posteitaliane.it e cliccando sulla sezione “piccoli comuni”, è possibile consultare – dopo aver inserito il nome del comune di interesse –  i dati meteorologici quotidiani. 

Online anche le medie annuali, mensili e semestrali degli stessi dati metereologici. 

Dove sono presenti le caselle postali Smart?

In tutte sono le regioni italiane che hanno aderito all’iniziativa sperimentata da Poste italiane. Tra cui anche la Campania.

Nel 2019, ad esempio, le cassette postali Smart sono state installate in 24 comuni della provincia di Avellino e coinvolgeranno nei prossimi mesi anche altre realtà presenti sul territorio provinciale.

L’obiettivo di Poste italiane entro il 2022

Poste Italiane ha intenzione di collocare entro il 2022 ben 11.000 cassette postali Smart su tutto il territorio italiano. Di cui la metà nei comuni con meno densità popolare. 

Non solo cassette Smart, ma anche mezzi green per recapitare la posta. Poste italiane pensa in grande. E ci tiene a far sapere che la flotta aziendale ha tra i prossimi grandi obiettivi quello di ridurre le emissioni inquinanti. In che modo? Attraverso l’uso di autovetture completamente green per recapitare la posta. 

Come ha dichiarato Matteo Del Fante, Amministratore Delegato di Poste Italiane:

“Ogni giorno abbiamo circa 33.500 mezzi che girano per il paese, per cui abbiamo molto a cuore il tema della sostenibilità. Ci siamo dati l’obiettivo di ridurre di circa il 40% le emissioni entro il 2022 passando da circa l’11% di mezzi green ad oltre il 50%”.

Dal 1961 le cassette postali sono presenti nelle nostre città. Ma quelle Smart hanno “qualcosa in più”. Hanno un ruolo preciso: coniugare ambiente, tradizione ed innovazione nel nostro Bel Paese. Dobbiamo preservare tutto questo. 

Margherita Parascandolo

Controlla anche

caccia illegale

La caccia illegale in Italia: un problema di cui si parla troppo poco

Sono davvero tante le vittime della caccia illegale. Il falco pellegrino, l’aquila del Bonelli, i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 17 =