venerdì , 27 Gennaio 2023
semi e coriandoli naturali
semi e coriandoli naturali

Un carnevale sostenibile con semi e coriandoli naturali

Coriandoli e stelle filanti hanno un impatto sull’ambiente che ci circonda. Secondo Andrea Minutolo, responsabile scientifico di Legambiente, l’impatto ambientale dei coriandoli è difficile da quantificare. Non si può dare una stima esatta, ma è evidente che ci sia. Minutolo sostiene che i coriandoli di plastica hanno un’influenza maggiore sull’ambiente in quanto impiegano migliaia di anni per biodegradarsi.

Più sostenibili sono quelli di carta che con le intemperie si macerano più velocemente. I coriandoli hanno un impatto sulla fauna, infatti questi potrebbero essere ingeriti da animali da passeggio e uccelli.  Da tener conto è il fatto che i coriandoli per strada spesso vengono spazzati via nei tombini. La presenza di coriandoli nelle fognature non solo causa guasti agli impianti, ma fa si che questi vengano versati in mare.

Ecco quindi qualche alterativa green ai coriandoli.

L’alternativa green sono i semi e i coriandoli naturali

A proporre un’alternativa ecologica ai coriandoli ci ha pensato una start up tedesca, Saatgutkonfetti. Katja Filippenko, Christoph Trimborn e Philip Weyer, i fondatori, conosciutisi all’accademia di belle arti di Kassel, ebbero l’idea dei coriandoli per un progetto studentesco, per poi tramutarla in start up. 

Questi propongono dei coriandoli fatti di amido, coloranti naturali e semi. Sono oltre 24 le specie vegetali presenti nei loro coriandoli. Il loro prodotto può servire come cibo per animali o per creare un nuovo prato fiorito. Oltre che essere completamente vegani, hanno anche una certificazione biologica. Questi coriandoli di semi sono fatti a mano, il prezzo non è contenuto, infatti una confezione da 20g costa circa 7,50 euro. 

Bisogna sapere che non tutte le specie vegetali sono compatibili con i terreni italiani. Vi è anche un’alternativa italiana, quella dell’azienda Grin eco gadget, siciliana. Il loro nome è un gioco di parole che deriva dalla pronuncia del termine inglese green (verde) e si riferisce alla parola grin (sorriso). Dal packaging ai gadget aziendali, hanno trasformato l’agricoltura in divertimento e la cura per l’ambiente in stile di vita.

Creare in casa coriandoli ecologici

Utilizzare semi e coriandoli naturali con ciò che possiamo reperire in casa e in natura è un’alternativa ecosostenibile. Rispetto ai normali coriandoli non hanno impatto ambientale e contribuiscono allo sviluppo di piante e fiori. Sicuramente meno colorati, possono essere decorati con coloranti alimentari e diventare così un modo per educare i bambini all’ecosostenibilità facendoli divertire.

Realizzare coriandoli naturali si può e lo si può fare in vari modi. Ad esempio, sbriciolando foglie secche, utilizzando riso, semi di frutti e varie piante. Per rendere i coriandoli naturali più simili ai tradizionali, si può usare una bucatrice.

Un modo utile per evitare sprechi, è chiedere ad un fiorista di darci gli scarti delle sue composizioni. Molti di loro volontà mettono da parte petali e foglie per un riutilizzo creativo.

Morena Motariello

Controlla anche

“Daccapo”, un progetto toscano di riuso solidale per ridurre le marginalità economiche

Daccapo è un sistema di riuso solidale che nacque precisamente a Lucca, in Toscana, circa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × tre =